Raduno 2019

Gubbio, la “Città di pietra", vanta nel nostro paese, una delle campane civiche più importanti, il Campanone, issato sulla torretta del trecentesco Palazzo dei Consoli, e sonato dagli uomini della Compagnia dei Campanari, un gruppo di appassionati eugubini che, rinnovando una tradizione che si tramanda dal medioevo, muovono questa grande campana del peso di 20 quintali, a forza di piedi, fino a rovesciarla verticalmente nella tipica posizione ''a bicchiere''.


Fuso il 30 ottobre 1769 dall'aquilano Giovanni Battista Donati, il Campanone di Gubbio suona circa 60 volte l'anno, in occasione delle maggiori festività e ricorrenze, destando sempre ammirazione, non solo per l'armonia della sua voce, ma anche per lo spettacolo creato dalle spericolate evoluzioni dei campanari che, sostenendosi con le sole mani alle corde che pendono dalle volte della cella, si sbilanciano nel vuoto ad oltre 40 metri da terra.